Gli ascolti
29th mar 2013Posted in: Gli ascolti Commenti disabilitati
Donnafugata per grande orchestra: tasting in jazz

L’interazione con il nettare di Bacco investe tutti i sensi, udito compreso. Il portale web “Il suono del vino” (www.ilsuonodelvino.it) ricorda  l’indagine condotta dal professor Adrian North, della Heriot-Watt University di Edinburgo, da cui emerge che l’ascolto di determinati brani musicali, in fase di degustazione, è in grado di esaltare il gusto del vino che stiamo bevendo. Lo sa bene Donnafugata che propone originali tasting in jazz delle proprie bottiglie. Ognuna è accompagnata da un brano musicale le cui note ed il cui andamento ritmico si uniscono alle sensazioni della degustazione. «Un modo nuovo di vivere il vino di qualità, di scoprirne le mille note organolettiche, di racconto come universo sensoriale», dice Josè Rallo imprenditrice e vocalist. Nasce così il progetto “Music & Wine Live”.

L’ultimo cofanetto (CD + DVD) vede all’opera la band storica con Josè Rallo alla voce, la cui formazione si amplia, grazie alla collaborazione con la fondazione The Brass Group ed i 15 fiati dell’Orchestra Jazz Siciliana. Emerge un sound dai colori accesi come quelli della cover. Eccezionali guest star sono Eliot Zigmund  (batterista di Bill Evans e di Michel Petrucciani) e Bill Moring (contrabbassista di Count Basie e Woody Hermann). La raccolta fondi supporta iniziative di solidarietà. La Rallo ha una voce duttile e caliente, si padroneggia tra standard americani e brani latini. Non mancano gli omaggi a Bacco con “An older man is like an elegant wine” (la ballad di Lee Wing, sontuosa ed elegante, è la colonna sonora perfetta per il vino “Mille e una notte” della casa); c’è poi “Wine & Music blues”, brano originale  del percussionista Vincenzo Favara e del trombettista Vito Giordano, un exploit della grande orchestra (da godere – è suggerito – con il rosso “Sherazade”). Non poteva mancare un riferimento all’isola, con “Sicily” il brano di Pino Daniele e Chick Corea.

 Gaetano Menna

© pubblicato su “Mondo Agricolo”, marzo 2013

Comments are closed.